La lapide di Ludovico Broglia

L’iscrizione recita: Ludovico Broglia, cavaliere di Gerusalemme, uomo illustre, che mentre le armate turche combattevano presso Malta contro la fortezza di Sant’Elmo, seppur vecchio, con le sue forze, ricevuta una non lieve ferita, con ammirevole lode si salvò dalla tremenda ferocia dello sfrontato tiranno (cioè Solimano il Magnifico).

Tornato come balivo di Santo Stefano, morì nell’anno del Signore 1571 il giorno 17 ottobre, all’età di 71 anni. A lui, zio benemerito e affinché la memoria di un uomo così grande si conservasse presso i posteri, Giovanni Maria e Bernardo, posero questo ricordo.

 

CHIERI (TO) CHIESA DI SAN DOMENICO

Restauro della lastra tombale di Ludovico Broglia, sita all'interno del campanile (XVI sec.)

Tipologia intervento: restauro bassorilievo lapideo

Committente: Convento di San Domenico

Alta sorveglianza: dott.ssa Elena Ragusa – Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici e Etnoantropologici del Piemonte

Durata lavori: gennaio - marzo 2014

Finanziamenti: Associazione Carreum Potentia

Impresa consorziata esecutrice: Michelangelo Varetto

 

 

Per approfondire:

- Articolo del Corriere di Chieri del 26 settembre 2014 "Storia e fede, intreccio d'arte. San Domenico, San Leonardo e lapide Broglia"

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo Sito sono utilizzati dei cookies. Cliccando su “Accetto ” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati nell' Informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. per sapere di più sui cookie e come cancellarli, guarda la nostra privacy policy.

  Accetto i cookie da questo sito.