Il Cristo deposto di Saluzzo

La scultura lignea conservata nella chiesa di San Bernardino a Saluzzo raffigura Cristo subito dopo essere stato deposto dalla croce, l’opera è stata attribuita dal dott. Guido Gentile per raffronti stilistici a Carlo Giuseppe Plura e

collocata cronologicamente attorno al 1720. Durante le fasi di lavoro sono emerse le evidenze e l’entità dell’intervento di restauro che in passato aveva interessato tutta l’opera. Ampie zone della scultura erano state stuccate con gesso e colla per coprire lacune della policromia e fori di tarli e tutta l’opera era coperta da una pellicola pittorica non originale: l’epoca a cui far risalire tale intervento si aggira presumibilmente al tardo XIX secolo - inizi del XX. Grazie al restauro eseguito è emersa la grande qualità della materia pittorica originale, le buone condizioni di conservazione, la cospicua integrità materica e la qualità della resa cromatica che esaltano l’eccellenza dell’intaglio.

 

SALUZZO (CN), CHIESA DI SAN BERNARDINO 

Restauro della scultura lignea del Cristo Deposto (XVIII sec.)

Tipologia intervento: restauro scultura lignea policroma

Committente: Parrocchia San Bernardino da Siena

Direzione Lavori: Studio arch. Reyneri di Lagnasco

Alta sorveglianza: dott.ssa Valeria Moratti – Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici e Etnoantropologici del Piemonte

Durata lavori: giugno 2013 - maggio 2014

Finanziamenti: Compagnia di S. Paolo - Torino

Imprese consorziate esecutrici: Giorgio Garabelli

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo Sito sono utilizzati dei cookies. Cliccando su “Accetto ” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati nell' Informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. per sapere di più sui cookie e come cancellarli, guarda la nostra privacy policy.

  Accetto i cookie da questo sito.